Labirinto osseo

Labirinto osseo (Labyrinthus osseus) (Fig. 290), a sua volta, si compone di tre parti.

Vestibolo (vestibolo) (Fig. 287, 290) è una cavità ovale, situata nella parte centrale del labirinto tra la cavità timpanica e il canale dell'orecchio interno, e presenta una parete comune dell'orecchio medio, che è una finestra nel vestibolo. Sulla parete interna del vestibolo sono due cosiddetta tasca, è una cavità sferica (recessus sphericus) e cavità ellittica (recessus ellipticus). Essi sono collegati tra loro da un pettine stretto tasca verticale chiamato il vestibolo (vestibuli pyramis). Da dentro le tasche sono piene di epitelio squamoso, tranne le sezioni è costituito da punti di griglia (macule cribrosae) - piccoli fori rivestiti di epitelio colonnare. Ecco il back-up e di cellule ciliate, che gestisce le fibre nervose vestibolari del nervo uditivo. Superficie epiteliale è coperta con la membrana che contiene otoliti otoliti e statoconia - cristalli di carbonato di calcio.

Posteriore rientro ellittica ha cinque fori che la collegano con i canali semicircolari. Nella parte anteriore vi è una piccola rientranza cavità sferica cocleare (recessus cochlearis), dove si trova il fondo cieco della coclea membranosa.

Canali semicircolari (canales semicirculares) (Fig. 287, 290) si trova nella parte posteriore del labirinto osseo e sono i tre tubi arco reciprocamente perpendicolari contenenti endolymph. Su entrambi i lati di ogni canale sono gambe ossute, uno dei quali è leggermente allargata e chiamato ampullar gamba ossea (crus osseum ampolle) (Fig. 290), e l'altro - una gamba osso semplice (crus simplex osseum) (Fig. 290). Gambe semplici canali anteriori e posteriori sono combinati in una gamba osso comune (cru osseum comune) (Fig. 290). Nelle estensioni delle gambe, fiale stanno ascoltando capesante contenente cellule dell'epitelio sensoriale, che sono rami del nervo vestibolare.

Lumaca (coclea) (Fig. 287, 290, 291) si trova di fronte al labirinto osseo, ha una forma conica e un canale a spirale membranosa, formando due e mezzo arricciarsi attorno all'asta (modiolus) (Fig. 291, 292) e cieco-terminato nella cupola della coclea (cupola cochleae) (Fig. 290). La cupola sovrasta la base della coclea (cochleae base) di 4-5 mm. Ogni ricciolo separato dalla parete opposta del tessuto osseo formatosi coclea.

L'asta consiste di osso spongioso lumache e la parete interna del canale. La base dell'asta (base modioli) va al condotto uditivo interno. Nella cavità del canale a spirale lungo la lunghezza della canna è una piastra ossea spirale (lamina spiralis Ossea) (Fig. 291, 292). Attraverso la sua coclea cavità è divisa in due parti: la velocità massima, che si combina con labirinto ingresso e chiamato canale vestibolare (vestibuli scala) (Fig. 291, 292), e il corso inferiore, quando combinato con la lumaca finestra chiamata la cavità timpanica e timpani (scala timpani ) (Fig. 291, 292). Nel corso delle due cupole lumache sono combinati per formare un foro lumaca (helicotrema) (Fig. 291).

Fig. 290.
Vista frontale del labirinto osseo
1 - lungomare del canale semicircolare;
2 - ampullar gambe ossute;
3 - comune arto osseo;
4 - coclea riccioli;
5 - la cupola della coclea;
6 - canale semicircolare posteriore;
7 - canale semicircolare laterale;
8 - un arto semplice ossea;
9 - la soglia

Piastra a spirale, a partire dal nucleo, non raggiunge il canale a spirale, e termina a metà del diametro del canale. Tra il bordo libero della piastra ossea spirale e la parete della coclea è una membrana a spirale (membrana spiralis) (Fig. 292), che è un'estensione della coclea membranosa.

Fig. 291.
Bone lumaca
1 - lumaca whorl superiore;
2 - apertura della coclea;
3 - di base;
4 - timpani;
5 - canale vestibolare;
6 - osso piatto a spirale

 






Elenco delle abbreviazioni

a., aa. — arteria, arteriae (arteria, l'arteria)

lig., ligg. — ligamentum, ligamenta (legamento)

m., mm. — musculus, musculi (muscolo, muscolare)

n., nn. — nervus, nervi (nervose, nervi)

r., rr. — ramus, rami (filiali, succursali)

s. — seu (o)

v., vv. — vena, venae (vienna, vene)